Maturità… davvero?

Tra due giorni, qualche migliaio di studenti in tutta Italia sarà seduto sui banchi di scuola per cominciare l’esame di maturità o, come preferiscono chiamarlo oggi, “esame di Stato”. E ad ognuno di noi (a chi più, a chi meno), questo esame incuterà un certo timore; nonostante i professori (e anche qui, chi più, chi meno) ci abbiano rincuorato sostenendo si tratti solamente di una formalità (sgrat, sgrat), chiunque avrà quella tipica voglia di scappare, quel tipico mal di pancia, quella tipica fame di unghie che viene prima di una verifica fondamentale.

Il tutto moltiplicato per dieci volte.

Non credo esistano rimedi contro quest’ansia: fare quello che si è sempre fatto (leggi studiare), probabilmente potrebbe aiutare. C’è un però.
Siamo in estate, c’è il Sole, il mare ti chiama, gli amici son fuori. E tu? Tu invece devi fare la maturità. Sei nella tua camera con una tazza di caffè perché devi studiare. Sembri Gollum, non ti togli nemmeno il pigiama, puzzi, non ti lavi da due settimane e sei la personificazione del pendolo di Schopenhauer. Ma ecco la luce in fondo al tunnel: nella pausa tra Joyce e il metabolismo terminale, eccola! Hai preso in mano il telefono, eliminato le millanta notifiche che ti ricordano che esiste un mondo al di fuori (sì, c’è anche chi ti aggiunge ad un gruppo per andare in piscina, maledetti), leggi le ultime notizie e scopri che Philae si è risvegliata. Apri le finestre e assapori la brezza marina che ti accarezza le mani, e gli occhi si devono abituare alla luce del Sole di mezzogiorno, nonostante siano le tre del mattino e diluvi con tanto di lampi e tuoni.
Tuttavia la tua vita ha ripreso un senso: Philae si è risvegliato! Ti ricordi anche di una notizia che avevi letto a fine aprile: LHC dovrebbe aver ripreso il suo lavoro. Controlli, ne parlano in pochi, ma ne parlano. Per Diana, 13 TeV! Scopri anche che la Cristoforetti è tornata!
Da Gollum diventi come Homer Simpson davanti a una birra.

Il giorno dopo lo passi a leggere notizie, passando in rassegna tutta la letteratura scientifica degli ultimi tre mesi. Ti senti incredibilmente forte, non badi nemmeno più al tanto temuto esame di maturità! Cos’è la maturità in confronto alla Scienza? La maturità non è nulla a confronto, per Dio!

Esausto ma soddisfatto, la sera ricevi un messaggio da una tua compagna: “Come sei messo con letteratura?”. Le notizie sono finite, non hai più nulla da leggere, anche la biblioteca è chiusa. Il ricordo del tuo esame di maturità ti travolge, dall’uomo più felice del mondo, ti ingobbisci, inizi a tremare, torni alla scrivania strappandoti i capelli con il secondo volume di filosofia in mano.

E ridiventi Gollum.


7 risposte a "Maturità… davvero?"

  1. Vabbè ma dov’è il problema? Tanto lo sappiamo già che ti bocciano! 😛
    Scherzi a parte, in bocca al lupo e ti auguro di trovare il tuo tessssssorooooooo!

    "Mi piace"

  2. Io “la matura”, come la chiamavamo ai tempi da queste parti, la ricordo confusamente: al primo assalto non ci arrivai nemmeno, impallinato da un paio di 3 di troppo frutto di faide personali con altrettanti prof… e la cosa mi lasciò abbastanza indifferente, dato che non era imprevedibile, anzi.

    Al secondo giro però mi ci misi d’impegno (insomma…) per arrivarci, e la saltai a pié pari senza danni, ti assicuro che è più brutta che cattiva come prova, abbaia ma morde il giusto!
    L’ansia pre-esame di cui tu (ma non solo tu) parli non l’ho mai vissuta né capita; credo sia più un modo di “fare gruppo” con i compagni per darsi reciprocamente sostegno.
    Alla fine se dopo 5 anni di studi non ti sei allenato per una cosa del genere beh… chettelodicoaffare. 😀

    "Mi piace"

    1. Prima prova in scioltezza, ora speriamo solo che il voto sia decente!

      Per quanto riguarda l’ansia è una compagna di viaggio che mi ha accompagnato dalla terza superiore (prima mi ricordo solo che non ho mai fatto nulla). Insomma, quando è arrivata la decisione di studiare, boom!, ecco anche l’ansia.
      Dall’altro lato stamattina non l’ho affatto sentita, forse perché scrivere mi piace, forse perché ho trovato un tema che mi è proprio piaciuto! (E chissà che non scriverò qualcosa a riguardo?)

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...